L’Ufficio federale dell’ambiente

Dati essenziali aperti al pubblico

L’ufficio Federale dell’ambiente (UFAM) emana le normative svizzere che ci toccano nel nostro lavoro quotidiano. E’ un ufficio dell’amministrazione federale svizzera aperto al pubblico attraverso il sito web dedicato. Gli Uffici veri e propri sono a Berna e in diversi altri punti o centri di ricerca del Paese.
Sfogliando le pagine contenute ed i link indicati, si può consultare tutta la Legge Federale sull’Ambiente dalle quali le normative derivano.

Ufficio federale dell’ambiente 1 a Berna, Svizzera
Ufficio federale dell’ambiente 2 a Berna, Svizzera

Come geologi, si impara subito nell’attività pratica che la conoscenza approfondita delle leggi sull’ambiente sono fondamentali anche se non sono insegnate all’università.

Nelle perizie geologiche infatti, l’introduzione iniziale riporta sempre l’ambito legale in cui ci si sta muovendo. Il “legalese” é d’obbligo perché da quando l’uomo si é adottato di un sistema giuridico per dermimere i litigi fra le persone, cioé dal diritto romano, l’impianto legislativo si é ampliato notevolmente fino a toccare tutti gli ambiti o quasi della vita umana. Pensare che perfino la Chiesa si é dotata di un “Diritto Canonico” . Non per niente tutti gli stati oggi si chiamano anche “stati di diritto”.

Pubblicazioni in PDF e cartacee

Tornando a noi, un esempio di quanto utile possa essere l’Ufficio federale dell’ambiente, detto anche amicalmente BAFU dal tedesco (Budesamt für Umwelt), lo si vede subito scegliendo il tema della geotermia e delle sonde geotermiche .

L’ufficio fornisce un comodo “PDF” da scaricare: un quadernetto “digitale” a volte disponibile anche in formato cartaceo. In esso é racchiuso tutto quanto é essenziale sapere . La lingua é sempre il tedesco ed il francese, molto spesso anche l’italiano ha una sua traduzione.

Si viene così a sapere che la legislazione svizzera e quindi le norme (una norma é l’appilcazione pratica della legge) non permettono l’utilizzo di sonde geotermiche attraversando una falda o comunque non sotto due metri di distanza da essa, mentre in Italia la normativa corrente sulle sonde geotermiche é molto piu’ permissiva.